1. Home
  2. Insights, webinar e altre risorse utili
  3. Digitalizzazione. Bonus tour operator e agenzie viaggio: ecco le modalità per richiederlo

Digitalizzazione. Bonus tour operator e agenzie viaggio: ecco le modalità per richiederlo

Per i costi di digitalizzazione, il credito di imposta per agenzie di viaggi e tour operator potrà essere richiesto su piattaforma del Ministero del Turismo, vediamo come.

Il credito d’imposta per la digitalizzazione delle agenzie di viaggio e dei tour operator è previsto nella misura agevolata del 50% degli investimenti fino a 25 mila euro.

Ministero del Turismo e Ministero delle Finanze hanno dato attuazione alla misura prevista dal PNRR (art. 4, Dl n. 152/2021) a favore di agenzie di viaggio e tour operator che investono in sviluppo digitale (Misura M1C3, investimento 4.2.2 del Piano). Con decreto firmato il 29 dicembre 2021 i due dicasteri hanno reso note le modalità applicative per fruire dell’agevolazione per la digitalizzazione.

Soggetti beneficiari e cumulabilità

Il credito d’imposta è diretto alle agenzie di viaggio e ai tour operator con codice ATECO 79.1, 79.11, 79.12, (ammesse tutte le forme giuridiche Srl, Snc, Sas, imprese individuali, ecc.) regolarmente iscritte al registro delle imprese al momento della presentazione della domanda.

Il credito dovrà rispettare i limiti previsti dal piano temporaneo di aiuti e il regolamento “de minimis”. L’impresa ammessa all’agevolazione non potrà richiedere altri aiuti per le spese inserite nel piano di investimento oggetto della domanda, in quanto non è previsto alcun tipo di cumulabilità con altre misure agevolative a valere sulle stesse spese.

Quali sono gli investimenti agevolati

Ai beneficiari è riconosciuto un aiuto sotto forma di credito d’imposta fino al 50% delle spese sostenute dal 7 novembre 2021 al 31 dicembre 2024 per investimenti e attività di sviluppo digitale, con l’esclusione dei costi relativi all’intermediazione commerciale.

Voci di spese ammesse

Le voci di spesa oggetto dell’investimento, da considerarsi esclusa IVA, sono le seguenti:

  • Wi-fi (impianti con velocità pari ad almeno a 1M/s in download),
  • Siti web ottimizzati per i servizi di navigazione su rete mobile;
  • Programmi e sistemi informatici per la vendita diretta di servizi e pernottamenti turistici;
  • Spazi e pubblicità per promuovere e commercializzare online servizi e pernottamenti turistici;
  • Servizi di consulenza per la comunicazione e il mkt digitale;
  • Strumenti di promozione per offerte innovative di inclusione e ospitalità per persone con disabilità;
  • Formazione del titolare o del personale dipendente per le attività elencate.

Domanda di accesso al bando per la digitalizzazione

I soggetti interessati presentano domanda telematica al Ministero del Turismo attraverso la piattaforma web, le cui modalità di accesso saranno definite entro 60 gg. Dall’emanazione del nuovo decreto (entro fine febbraio 2022). Le imprese si registrano e presentano domanda entro i 30 gg. successivi all’apertura della piattaforma online. Entro 60 gg. dalla scadenza del termine di presentazione delle domande, il Ministero pubblicherà l’elenco dei beneficiari. Gli incentivi saranno erogati secondo l’ordine cronologico di comunicazione della conclusione dell’investimento, nei limiti della disponibilità delle risorse stanziate annualmente.

Risorse disponibili

Fermo restando il limite massimo di agevolazione spettante pari a € 25.000 per ogni impresa, le risorse stanziate sono pari a 18 M/€ per il 2022, 10 M/€ per ciascuno degli anni 2023 e 2024, 60 M/€ per il 2025.

Con il servizio Finanza agevolata servizi per banche e imprese, Cerved è al fianco delle aziende per supportarle, per gestire l’iter burocratico, per monitorare i bandi tramite un team di esperti e strumenti informatici dedicati che permettono di automatizzare l’iter di lavorazione delle pratiche.

Contattaci per conoscere l’agevolazione più adatta alle tue esigenze.